LA EU, OVVERO QUANDO LA DEMOCRAZIA DIVENTA DITTATURA


 

La Fondazione dr Rath (dr Rath Foundation) ad opera di Paul Anthony Taylor, Aleksandra Niedzwiecki, Matthias Rath  e August Kowalczyk, ha pubblicato da poco anche in italiano un testo altamente educativo ed informativo sulle origini della Unione Europea :

   LE RADICI NAZISTE DELLA UNIONE EUROPEA,**
“Quello che avreste sempre voluto sapere sulla UE ma che nessuno ha mai avuto il coraggio di dirvi”

Tanto per cominciare ci ricorda COSA E’ UNA DEMOCRAZIA VERA:

–       Quando tutto il potere è nelle mani del popolo

–       Quando il popolo VOTA sia il potere esecutivo (presidente e governo) che il potere legislativo (parlamento) e i due poteri si possono controllare a vicenda per evitare abusi e e garantire equilibri.

Invece nella “nostra” famigerata Unione Europea, che gli autori di questo libro definiscono DITTATURA della UNIONE EUROPEA, questo è quel che accade:

–       Il popolo VOTA SOLO il Parlamento europeo, che NON ha alcun diritto di legislazione indipendente e

–       Il popolo NON PUO’ VOTARE il potere esecutivo e legislativo (ovvero la Commissione Europea e il Presidente
della Commissione )

–       Nella EU manca il principio fondamentale della separazione dei poteri e i cittadini europei NON hanno controllo né sul processo legislativo, né sull’Esecutivo.

Sono Il Potere Esecutivo e Legislativo (ovvero la Commissione Europea e il Presidente della Commissione) a controllare  il processo legislativo del Parlamento Europeo. Tale Potere Esecutivo e Legislativo della Commissione EU è a sua volta controllato da interessi commerciali, quelli del cartello petrolchimico e farmaceutico… ecco che abbiamo in chiaro un po’ di perché…

Il potere del popolo di eleggere il proprio governo, è stato trasferito a interessi commerciali

Con l’articolo 225 del Trattato di Lisbona, viene offerta al Parlamento EU (quello che possono eleggere i cittadini…) la possibilità di “richiedere alla Commissione di inoltrare una proposta di legge”. La Commissione, naturalmente, puo’ semplicemente  rifiutarsi di farlo (si veda: www.europa.eu/lisbon_treaty/index_en.htm).

Nella Commissione EU ci sono 54.000 impiegati, che “operano al di fuori di ogni controllo democratico ed implementano le leggi europee per conto delle grandi aziende (pag 20 del testo in italiano)

Il parlamento Europeo è composto di  745 membri, di 27 nazioni che non hanno nessun potere di controllo sull’esercito dei burocrati di cui sopra. Il Parlamento Europeo funge da decorazione , “con lo scopo di presentare ai cittadini europei l’Unione Europea, come una democrazia parlamentare”.

Quindi… piu’ di 42.000 burocrati non eletti e altri impiegati e circa 12.000 impiegati “fuori bilancio”, regolano la vita di 500milioni di persone in EU! Il cartello petrolchimico farmaceutico a cui si è fatto riferimento, è il maggior gruppo di investimenti nel mondo e nel XX sec è stato non solo la forza economica dominante, ma ha anche messo “ai giusti posti” i propri rappresentanti politici (alias i burattini che vediamo nei vari governi di paesi maggiormente industrializzati nel mondo).

Queste le cerchie finanziarie che controllano il Cartello:

–       Gruppo Rockefeller, che rappresenta gli interessi della industria petrolifera e farmaceutica USA. Si fonda sul monopolio della Standard Oil (che risale al XIX sec) Uno dei suoi ambasciatori piu’ prominenti di questo gruppo negli ultimi decenni è stato Henry Kissinger

–       Germania e Francia: nazioni leader in Europa nell’esportazione di prodotti chimici e farmaceutici. Già alla fine del XIX sec , il gruppo era composto da Bayer, BASF e Hoechst, che poi divenne il cartello IG Farben. I suoi successori moderni sono grandi aziende leader nel settore degli investimenti europei , che hanno contribuito a creare la Unione Europea.

“I  media hanno tenuto nascosto che alcuni giorni prima della sua nomina, l’attuale Presidente della Commissione Europea, Rompuy, è stato invitato per colloqui di lavoro dal gruppo Bilderberg, sotto il controllo di David Rockefeller e presieduto dall’ex Commissario Europeo e lobbista farmaceutico Etienne Davignon”  (pag 22 ibidem)

Sempre piu’ evidente leggendo il testo di cui sto parlando, che in EU  il popolo è stato escluso dal processo decisionale (potrebbe percio’ mai essere incluso in uno dei suoi stati membri??), che i nuovi “reali” d’Europa sono stati scelti da una elite di interessi economici.

Altra notizia poco nota ma dall’importante valore “simbolico” (sappiamo dall’opera di David Icke che “i simboli” sono una ossessione della elite…) : “ la cerimonia di selezione del primo Presidente e del Ministro degli Esteri della Unione Europea, si è svolta in uno sfarzoso palazzo aristocratico: Palazzo della Valle della Duchessa , poco fuori Bruxelles”.

Il “Maestro di cerimonia”  fu “Nicolas Paul Stéphane Sarkozy de Nagy-Bocsa”;

https://i0.wp.com/www.lgbt-ep.eu/wp-content/uploads/2010/01/Catherine-Ashton-Square.jpg la corona della regina fu assegnata alla baronessa Catherine Ashton”, mentre
https://i0.wp.com/i.telegraph.co.uk/multimedia/archive/01578/van-rompuy_1578002c.jpg la corona del re “è andata a Herman van Rompuy… che “agirà quale monarca ad interim fino a quando – possibilmente causa una crisi internazionale- il piccolo aristocratico in persona assumerà il trono” (pag24)

A 500 milioni di cittadini europei è stato negato il diritto democratico di votare sul “Decreto dei pieni poteri di Lisbona”(pag 29)

La sola nazione in cui i cittadini hanno potuto votare il Trattato di Lisbona (il decreto dei pieni poteri per la EU) è stata l’Irlanda, ovvero ca l’1% della popolazione europea. Nel 2008 i cittadini irlandesi hanno respinto il Trattato di Lisbona, ma i rappresentanti politici del cartello di Bruxelles hanno voluto ignorare… con azioni di “persuasione” il Governo Irlandese ha decretato un secondo referendum che ha ottenuto il SI., “con un’immensa quantità di denaro proveniente dal Cartello verso Dublino” (pag 28) .

“La natura ingannevole dell’EU si vede dal fatto che , mentre essa è osannata  come una garanzia di democrazia, dai rappresentanti del Cartello, i diritti democratici piu’ basilari sono negati, per paura di un’opposizione popolare”  (pag29)        

Ad ora l’hanno capito benissimo i Greci…

** il libro, in italiano,  non è in vendita presso le librerie, ma attraverso il Movement of Life -Italia (Movimento della vita – organizzazione che si occupa di tematiche socio politiche della Fondazione del dott. Rath) , inviando una mail a movement_of_life_italia@italymail.com, costa €12.80 da versare su un CC,

in inglese, come indicato al link della immagine a inizio articolo, a link di cui sopra è scaricabile free a capitoli dalla rete

——————————————————————–

dr Rath

L’obiettivo principale dell’ UE di Bruxelles.

L’obiettivo primario dell’ UE di Bruxelles è quello di distruggere il settore della salute naturale al fine di evitare che le terapie naturali, che non si possono brevettare, possano competere con l’industria farmaceutica mondiale, il cartello farmaceutico col suo ‘business di multi-miliardi di dollari da guadagnare con la malattia‘. In sostanza questi interessi delle imprese farmaceutiche multinazionali vengono sostenuti a livello esecutivo dell’ UE Bruxelles e assecondati da specifiche leggi europee.

Ora, nel momento in cui grazie ai grandi progressi della scienza per quanto riguarda salute naturale, la vita di milioni di persone affette da cancro, malattie cardiache e altre comuni patologie potrebbero essere salvate, il cartello ancora una volta pone il profitto sopra la vita e diventa responsabile per sofferenze e morte in proporzioni gigantesche, paragonabili a un genocidio.

Ora, nel momento in cui grazie ai grandi progressi della scienza per quanto riguarda salute naturale, la vita di milioni di persone affette da cancro, malattie cardiache e altre comuni patologie potrebbero essere salvate, il cartello ancora una volta pone il profitto sopra la vita e diventa responsabile per sofferenze e morte in proporzioni gigantesche, paragonabili a un genocidio.

Per esempio, l’obiettivo della cosiddetta “Direttiva sugli integratori alimentaridel 2002, è di impostare restrizioni quasi dittatoriali sulle vitamine e minerali e sui dosaggi che possono essere contenuti negli integratori alimentari. Per mascherare questo obiettivo, l’UE sostiene che i livelli consentiti per ogni singola sostanza nutritiva verranno calcolati ‘in modo scientifico’, tramite la cosiddetta “valutazione scientifica del rischio“. In realtà la maggior parte dei metodi attualmente proposti per la valutazione del presunto “rischio” della consumazione di integratori, sono tutt’altro che scientifici. In realtà sono in sostanza erronei.

Anche la direttiva sulle terapie tradizionali a base di erbe medicinali, approvata nel 2004, mira a eliminare la ‘ minaccia’ che queste costituiscono ai guadagni dell’ industria farmaceutica. Tutte le erbe e le terapie naturali che non sono state registrate e a cui non è stata concessa una licenza, sono vietate e devono essere ritirate dal mercato. In questo modo il settore erboristico viene decimato.

Nel tentativo di ridurre la diffusione delle informazioni sulle terapie naturali, l’UE di Bruxelles nel 2006, ha approvato un cosiddetto “regolamento sulla nutrizione e sulla salute“. Questa legge draconiana proibisce tutte le espressioni che suggeriscono che un alimento o una sostanza nutritiva, potrebbe favorire la salute e anche tutte le affermazioni sull’ esistenza di una relazione tra l’ assunzione di un alimento o di un nutriente e un effetto benefico sulla salute. Sono soltanto consentiti testi autorizzati dalla Commissione Europea – anche nei casi in cui esiste evidenza scientifica sugli effetti favorevoli alla salute. Nel tentativo disperato di proteggere l’industria farmaceutica e il suo “business della malattia”, l’UE di Bruxelles ha usato il suo potere dittatoriale per proibire la libertà di parola.

L’European Food Safety Authority (EFSA) che pretende di proteggere la sicurezza della nostra alimentazione, è stata istituita nel gennaio 2002 per assistere l’UE nei suoi tentativi di distruggere il campo della salute naturale. L’EFSA si impegna in modo continuo e sistematico per eliminare le terapie naturali che non si possono brevettare, e le relative informazioni, invece di migliorare la sicurezza dei prodotti alimentari e proteggere i consumatori in tutto il continente europeo.

Dietro le quinte, i comitati scientifici dell’EFSA invece di essere composti da esperti indipendenti, sono costituiti da membri che sono legati ad aziende farmaceutiche, chimiche, biotecnologiche e agroalimentari. Inoltre, in un chiaro tentativo di proteggere gli interessi di questi settori commerciali, l’EFSA afferma sul suo sito web che avere un interesse non significa implica automaticamente un conflitto di interessi.

Perciò è poco sorprendente che la stragrande maggioranza delle più di 44000 affermazioni scientifiche su sostanze nutritive che sostengono ‘la (loro) funzione generale per la salute’, sono state respinte e non hanno ottenuto l’approvazione dell’EFSA ai sensi del “Regolamento sulla nutrizione e sulla salute”.

Bisogna avere conoscenza di tutto questo per poter disfarsi, una volta per tutte, dell’illusione che gli accorati appelli all’ UE di Bruxelles per “salvare gli integratori” e tutelare il nostro diritto alla salute naturale, non avranno mai alcun effetto tranne al massimo la comparsa di un sorriso ironico sui volti dei commissari dell’ UE e di chi si occupa degli interessi del cartello farmaceutico.

Tutti ormai dovrebbero capire quali sono gli effetti devastanti del potere del cartello sul governo dell’ UE di Bruxelles’: Ora, nel momento in cui grazie ai grandi progressi della scienza per quanto riguarda salute naturale, la vita di milioni di persone affette da cancro, malattie cardiache e altre comuni patologie potrebbero essere salvate, il cartello ancora una volta pone il profitto sopra la vita e diventa responsabile per sofferenze e morte in proporzioni gigantesche, paragonabili a un genocidio.

 

fonte: http://www4it.dr-rath-foundation.org/notizie/2011_05_may_16_smantellare_la_ue_di_bruxelles.html

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s