Understanding Cestui Que Vie Act 1666 – Existence of Life . . .

This Trust is key to what is happening on the planet right now !

 

Cestui Que Vie Act 1666.

London 1666, during the black plague and great fires of London, Parliament enacted an act behind closed doors, called Cestui Que Vie Act 1666.
The act being debated was to subrogate the rights of men and women, meaning all men and women were declared dead, lost at sea/beyond the sea. (back then operating in Admiralty law, the law of the sea, so lost at sea).

The state (London) took custody of everybody and their property into a trust. The state became the trustee/husband holding all titles to the people and property, until a living man comes back to reclaim those titles, he can also claim damages.

When CAPITAL letters are used anywhere in a name this always refers to a legal entity/fiction, Company or Corporation no exceptions. e.g. John DOE or Doe: JANE

1) CEST TUI QUE TRUST: (pronounced setakay) common term in New Zealand and Australia

2) STRAWMAN: common term in United States of America or Canada

These are the legal entity/fiction created and owned by the Government whom created it. It is like owning a share in the Stock Market, you may own a share… but it is still a share of the Stock.

Legally, we are considered to be a fiction, a concept or idea expressed as a name, a symbol. That legal person has no consciousness; it is a juristic person, ENS LEGIS, a name/word written on a piece of paper. This traces back to 1666, London is an IndependentCityState, just like Vatican is an IndependentCityState, just like WashingtonDC is an Independent City State.

The Crown is an unincorporated association. Why unincorporated? It’s private. The temple bar is in London, every lawyer called to the “bar” swears allegiance to the temple bar. You can’t get called without swearing this allegiance.

Our only way out is to reclaim your dead entity (strawman) that the Crown created, become the executor and then collapse the called Cestui Que Vie trust and forgive yourself of your debts and then remove yourself from the admiralty law that holds you in custody.

When London burned, the subrogation of men’s and women’s rights occurred. The responsible act passed… CQV act 1666 meant all men and women of UK were declared dead and lost beyond the seas. The state took everybody and everybody’s property into trust. The state takes control until a living man or woman comes back and claims their titles by proving they are alive and claims for damages can be made.

This is why you always need representation when involved in legal matters, because you’re dead.

The legal fiction is a construct on paper, an estate in trust. When you get a bill or summons from court it is always in capital letters, similar to tomb stones in grave yards. Capital letters signify death. They are writing to the dead legal fiction. A legal fiction was created when someone informed the government that there was a new vessel in town, based upon your birth.

Birth Certificates are issued to us by the Doc. just as ships are given berth Certificates at the Dock. It’s about commerce. We come from our mothers waters. Your mother has a birth canal just like a ship. The ship moves by the sea current just as we are able to move by the currency.

All this information relates to how the general public are still legally tied through Maritime Admiralty Law. Through this ancient legal construct we can be easily controlled and duped. Learning about your legal fiction helps you to unlock yourself. Otherwise you are just an empty vessel floating on the sea of commerce. Parents are tricked into registering the birth of their babies.

In about 1837 the Births, Deaths and Marriages act was formed in UK and the post of registrar general was established. His job was to collect all the data from the churches which held the records of birth.

Regis – from Queen or Crown. All people are seen to be in custody of,” The Crown”. This allows people to function in commerce and to accept the benefits provided by state. We have to understand who we are as men and women and how we can relate in the system. The City of London is a centre for markets, where merchants work. Then there is Mercantile Law. It comes from Admiralty Law. Look at the symbols in your City Courts that relate to Admiralty.

So where you have commerce and money, you also have “justice” and “injury”. You need to understand the bankruptcy before you can understand the judiciary. We have accepted the claim to accept the summons, yet ONLY the dead can be summoned. There is an obligation to accept any liability which has been created.

We are operating in Admiralty. A not guilty plea, or ANY plea admits jurisdiction. The strawman, aka legal fiction is always guilty. Barristers and solicitors make a living out of creating controversy. By creating a controversy you become liable for the case.

Honour and dishonour. To remain in honour you have to accept a claim and settle (discharge) it. Then you add conditions, ie. “I accept on proof of claim and proof of loss”. This gives the liability back to them. The legal fiction is always guilty. Only in the High Court, can the real man or woman appear. Games are played on courts, hence the name ‘court’. It is a game with actors (acting on acts). It has to be treated as a game and just business. Court room dramas are misinformation.

In the public, we are operating in bankruptcy and you receive benefits. It takes a lot of time, effort and study to understand and use these tools. You have to be prepared to go fully through the process, get the right tool out of your toolbox at the right time.

People need to learn how to act as a creation of God rather than a creation of Man.

Evidence of Life Evidence of Person Entitled to payment Form 206

Rights

Rights Suspension and Corruption

Cestui Que Vie Trust

Canon 2036 (link)

A Cestui Que VieTrust, also known later as a “Fide Commissary Trust” and later again as a “Foreign Situs trust” and also known as a form of “Secret Trust”is a fictional concept being a Temporary Testamentary Trust, first created during the reign of Henry VIII of England through the Cestui Que Vie Act of 1540 and updated by Charles II through the Cestui Que Vie Act of 1666 wherein an Estate may be effected for the Benefit of one or more Persons presumed lost or abandoned at “sea” and therefore assumed/presumed “dead” after seven (7) years. Additional presumptions by which such a Trust may be formed were added in later statutes to include bankrupts, minors, incompetents, mortgages and private companies.

Canon 2037 (link)

The original purpose and function of a Cestui Que (Vie) Trust was to form a temporary Estate for the benefit of another because some event, state of affairs or condition prevented them from claiming their status as living, competent and present before a competent authority. Therefore, any claims, history, statutes or arguments that deviate in terms of the origin and function of a Cestui Que (Vie) Trust as pronounced by these canons is false and automatically null and void. A Cestui Que (Vie) Trust may only exist for seventy (70) years being the traditional accepted “life” expectancy of the estate.

Canon 2038 (link)

Beneficiary under Estate may be either a Beneficiary or a Cestui Que (Vie) Trust. When a Beneficiary loses directbenefit of any Property of the higher Estate placed in Cestui Que (Vie) Trust on their behalf, they do not “own” the Cestui Que (Vie) Trust and are only the beneficiary of what the Trustees of the Cestui Que (Vie) Trust choose to provide them.

Canon 2039 (link)

As all Cestui Que (Vie) Trusts are created on one or more presumptions based on its original purpose and function, such a Trust cannot be created if none of these presumptions can be proven to exist.

Canon 2040 (link)

The Trust Corpus created by a Cestui Que (Vie) is also known as the Estate from two Latin words e+statuo literallymeaning “by virtue of decree, statute or judgment”. However, as the Estate is held in a Temporary not permanentTrust, the (CorporatePerson as Beneficiary is entitled only to equitable title and the use of the Property, rather than legal title and therefore ownership of the Property. Only the Corporation, also known as Body CorporateEstate andTrust Corpus of a Cestui Que (Vie) Trust possesses valid legal personality.

Canon 2041 (link)

The Property of any Estate created through a Temporary (Testamentary) Trust may be regarded as under “Cestui Que Use” by the Corporate Person, even if another name or description is used to define the type of trust or use. Therefore “Cestui Que Use is not a Person but a Right and therefore a form of “property“.

Canon 2042 (link)

In 1534, prior to the 1st Cestui Que Vie Act (1540), Henry VIII declared the first Cestui Que Vie type estate with the Act of Supremecy which created the Crown Estate. In 1604, seventy (70) years later, James I of England modified the estate as the Crown Union (Union of Crowns). By the 18th Century, the Crown was viewed as a company. However by the start of the 19th Century around 1814 onwards upon the bankruptcy of the company (1814/15) , it became the fully private Crown Corporation controlled by European private banker families.

Canon 2043 (link)

Since 1581, there has been a second series of Cestui Que Vie Estates concerning the property of “persons” and rights which migrated to the United States for administration including:

(i) In 1651 the Act for the Settlement of Ireland 1651-52 which introduced the concept of “settlements”, enemies of the state and restrictions of movement in states of “emeregency”; and

(ii) In 1861 the Emergency Powers Act 1861; and

(iii) In 1931 the Emergency Relief and Construction Act 1931-32; and

(iv) in 2001 the Patriot Act 2001.

Canon 2044 (link)

Since 1591, there has been a third series of Cestui Que Vie Estates concerning the property of “soul” and ecclesiastical rights which migrated to the United States for administration including:

(i) In 1661 the Act of Settlement 1661-62; and

(ii) In 1871 the District of Columbia Act 1871; and

(iii) In 1941 the Lend Lease Act 1941.

Canon 2045 (link)

By 1815 and the bankruptcy of the Crown and Bank of England by the Rothschilds, for the 1st time, the Cestui Que Vie Trusts of the United Kingdom became assets placed in private banks effectively becoming “private trusts” or “Fide Commissary Trusts” administered by commissioners (guardians). From 1835 and the Wills Act, these private trusts have been also considered “Secret Trusts” whose existence does not need to be divulged.

Canon 2046 (link)

From 1917/18 with the enactment of the Sedition Act and the Trading with the Enemy Act in the United States and through the United Kingdom, the citizens of the Commonwealth and the United States became effectively “enemies of the state” and “aliens” which in turn converted the “Fide Commissary” private secret trusts to “Foreign Situs” (Private International) Trusts.

Canon 2047 (link)

In 1931, the Roman Cult, also known as the Vatican created the Bank for International Settlements for the control of claimed property of associated private central banks around the world. Upon the deliberate bankruptcy of most countries, private central banks were installed as administrators and the global Cestui Que Vie/Foreign Situs Trustsystem was implemented from 1933 onwards.

Canon 2048 (link)

Since 1933, when a child is borne in a State(Estate) under inferior Roman law, three (3) Cestui Que (Vie) Trusts are created upon certain presumptions, specifically designed to deny the child forever any rights of Real Property, any Rights as a Free Person and any Rights to be known as man and woman rather than a creature or animal, by claiming and possessing their Soul or Spirit.

Canon 2049 (link)

Since 1933, upon a new child being borne, the Executors or Administrators of the higher Estate willingly and knowingly convey the beneficial entitlements of the child as Beneficiary into the 1st Cestui Que(Vie) Trust in the formof a Registry Number by registering the Name, thereby also creating the Corporate Person and denying the childany rights as an owner of Real Property.

Canon 2050 (link)

Since 1933, when a child is borne, the Executors or Administrators of the higher Estate knowingly and willinglyclaim the baby as chattel to the Estate. The slave baby contract is then created by honoring the ancient tradition of either having the ink impression of the feet of the baby onto the live birth record, or a drop of its blood as well as tricking the parents to signing the baby away through the deceitful legal meanings on the live birth record. This live birth record as a promissory note is converted into a slave bond sold to the private reserve bank of the estate and then conveyed into a 2nd and separate Cestui Que (Vie) Trust per child owned by the bank. Upon the promissory note reaching maturity and the bank being unable to “seize” the slave child, a maritime lien is lawfully issued to “salvage” the lost property and itself monetized as currency issued in series against the Cestui Que (Vie) Trust.

Canon 2051 (link)

Each Cestui Que Vie Trust created since 1933 represents one of the 3 Crowns representing the 3 claims of property of the Roman Cult, being Real PropertyPersonal Property and Ecclesiastical Property and the denial of any rights to men and women, other than those chosen as loyal members of the society and as Executors and Administrators.

Canon 2052 (link)

The Three (3) Cestui Que Vie Trusts are the specific denial of rights of Real PropertyPersonal Property and Ecclesiastical Property for most men and women, corresponds exactly to the three forms of law available to the Galla of the Bar Association Courts. The first form of law is corporate commercial law is effective because of the 1st Cestui Que Vie Trust. The second form of law is maritime and trust law is effective because of the 2nd Cestui Que Vie Trust. The 3rd form of law is Talmudic and Roman Cult law is effective because of the 3rd Cestui Que Vie Trust of Baptism.

Canon 2053 (link)

The Birth Certificate issued under Roman Law represents the modern equivalent to the Settlement Certificates of the 17th century and signifies the holder as a pauper and effectively a Roman Slave. The Birth Certificate has no direct relationship to the private secret trusts controlled by the private banking network, nor can it be used to force the administration of a state or nation to divulge the existence of these secret trusts.

Canon 2054 (link)

As the Cestui Que Vie Trusts are created as private secret trusts on multiple presumptions including the ongoingbankruptcy of certain national estates, they remain the claimed private property of the Roman Cult banks and therefore cannot be directly claimed or used.

Canon 2055 (link)

While the private secret trusts of the private central banks cannot be directly addressed, they are still formed on certain presumptions of law including claimed ownership of the name, the body, the mind and soul of infants, men and women. Each and every man and woman has the absolute right to rebuke and reject such false presumptions as a holder of their own title.

Canon 2056 (link)

Given the private secret trusts of the private central banks are created on false presumptions, when a man or woman makes clear their Live Borne Record and claim over their own name, bodymind and soul, any such trustbased on such false presumptions ceases to have any property.

Canon 2057 (link)

Any Administrator or Executor that refuses to immediately dissolve a Cestui Que (Vie) Trust, upon a Person stablishing their status and competency, is guilty of fraud and fundamental breach of their fiduciary duties requiring their immediate removal and punishment.

Source: https://exodus200.wordpress.com/step-1a-understanding-cestui-que-vie-act-1666/

Advertisements

East/West conflict is a farce

For anyone who might still believe that the US/NATO versus Russia/BRICS geopolitical confrontation is real

here is a little blast from the past
ecocover
…It is the cover from the January 9, 1988 issue of The Economist magazine. Note the phoenix rising from the ashes of burning national currencies, including the dollar.

The cover relates to an article on pages 9-10 titled Get ready for the phoenix, which foretold the financial drama we are now watching unfold in real time. Upon stumbling across them, I found the cover art and the article so striking that I thought they might be an online forgery, so I verified their authenticity with a research librarian at the Newspaper and Current Periodical Room of the Library of Congress. Both the cover and the article are quite real. Here are some excerpts (not necessarily in the order in which they appear in the article)…

>>> THIRTY years from now, Americans, Japanese, Europeans, and people in many other rich countries, and some relatively poor ones will probably be paying for their shopping with the same currency. Prices will be quoted not in dollars, yen or D-marks but in, let’s say, the phoenix. The phoenix will be favoured by companies and shoppers because it will be more convenient than today’s national currencies, which by then will seem a quaint cause of much disruption to economic life in the last twentieth century…

The phoenix would probably start as a cocktail of national currencies, just as the Special Drawing Right is today. In time, though, its value against national currencies would cease to matter, because people would choose it for its convenience and the stability of its purchasing power

The phoenix zone would impose tight constraints on national governments. There would be no such thing, for instance, as a national monetary policy. The world phoenix supply would be fixed by a new central bank, descended perhaps from the IMF

…Governments are far from ready to subordinate their domestic objectives to the goal of international stability. Several more big exchange-rate upsets, a few more stockmarket crashes and probably a slump or two will be needed before politicians are willing to face squarely up to that choice

Pencil in the phoenix for around 2018, and welcome it when it comes. <<<

It’s all there: the SDR “cocktail” (basket) of currencies, the IMF’s central role, and the need to create “exchange rate upsets, stockmarket crashes, and economic slumps” to make the public accept it. Seeing such an accurate forecast/blueprint, one wonders who was behind its publishing. So if we look into The Economist magazine, we find it is headquartered just a few blocks from the City of London and is owned by The Economist Group, which itself is owned by some rather interesting characters…

“The Economist Group is 50% owned by Pearson PLC via The Financial Times Limited. The bulk of the remaining shares are held by individual shareholders including the Cadbury, Rothschild, Schroder, Agnelli and other family interests as well as a number of staff and former staff shareholders.”

Beyond the Rothschild and Agnelli families, who are widely rumored to be part of the Illuminati, the Schroder family is particularly worth noting. The Schroders (also spelled Schroeder) are an old German ruling class family from Hamburg. One of the Schroder brood, Johann Heinrich Schroder, settled in London and founded J. Henry Schroder & Co. (now known simply as “Schroders,” one of the UKs largest investment banks) back in 1818. Later, in 1923, the firm expanded into New York by establishing J. Henry Schroder Banking Corporation. It is here that they joined with the Rockefeller family through Avery Rockefeller.

According to Avery’s bio…

“In 1928, Rockefeller joined the storied J. Henry Schroder Banking Corporation and became Assistant Treasurer in 1931. On 8 July 1936, Rockefeller co-founded Schroder, Rockefeller & Co., Inc. Its purpose was to take over the underwriting and general securities business formerly carried out by the J. Henry Schroder Banking Corporation.”

Schroder, Rockefeller & Co. is widely viewed as having been an integral part of the globalist bankers’ financial support infrastructure for the Nazis. And another of the Schroders, Johann Heinrich’s great-grandson, Baron Kurt von Schroeder (shown here in his Nuremberg picture)…
BKVS
…played a pivotal role..

“Schroeder was an important member of the Freundeskreis der Wirtschaft, which provided Adolf Hitler and his party with enough financial support to survive through the early 1930s. He also hosted a critical meeting on 4 January 1933 between Papen and Hitler that eventually led to Hitler’s appointment as Chancellor of Germany.”

The Nazis had (and continue to have) deep ties to the Anglo-American banking establishment, and also to The Economist. So this article came from a publication connected to the supposed “Nazi/Zionist Cabal.” Keep this in mind as we take a look at what that Cabal’s supposed enemies, the Chinese, are saying about the currently-unfolding global financial drama.

The Blueprint Revealed

I recently ran across a China Daily article titled Bracing for next big financial crisis, written by Giles Chance (a former World Bank staffer who is a professor at the Guanghua School of Management at Peking University). I strongly recommend following the link and reading the entire article, because it succinctly lays out the globalist plans and talking points for the next economic crisis. Once you correct for the article’s spin, it tells you everything. Here are some select passages, with my commentary added in brackets…

>>> Above the central banks, including the PBOC [People’s Bank of China], stands the Bank of International Settlements in Basel, Switzerland, which oversees the activities of national banking and monetary systems. The integration of markets and economies in a globalized world has given the BIS an increasingly important role in providing global financial stability… <<<

[So here we have a Chinese propaganda organ telling us that the BIS is in charge of all the central banks, including China’s. This is in spite of the fact that the BIS was a joint creation of the London bankers and the Nazis (who are supposedly the bad guys the BRICS are fighting). I will share more about the BIS later in the article.]

>>> In 2007, the year before the financial crash, the BIS warned that the global financial system was becoming overstretched and that the banking systems in the developed world were coming under pressure. But although the BIS has great influence, it does not have the power to compel any central bank. It can advise and warn, but it cannot give orders, and it does not issue its own money. As we know, the Federal Reserve Bank of New York and the European Central Bank in Brussels did not act on the well-timed warning from the BIS. <<<

[This passage establishes the BIS’s wisdom and foresight, as opposed to the foolishness of the national central banks. It also carries the implication that the BIS should be given the power to compel the national central banks to follow its wise guidance. Not mentioned is the fact that the financial crash was deliberately triggered by the very bankers he’s writing about, and that the foolishness of the national central banks’ responses was quite calculated. It allowed the banksters to harvest enormous wealth from the public and set up the pretext for the global institutions to step in and “provide stability.”]

>>> Against that background, you would expect today that if the BIS issued another warning, the world would pay attention. At the end of June, BIS General Manager Jaime Caruana gave a speech at its headquarters that contained a strong note of caution: “A new policy compass is needed to help the global economy step out of the shadow of the global financial crisis…” <<<

[By  “a new policy compass,” he means a transition from the current dollar-based global financial system to the new, more centralized SDR-based multipolar/multilateral financial system]

>>> In his speech, Caruana blamed the continued dependence by the advanced economies, led by the United States, on ultra-loose monetary policy in place of the necessary deep-seated structural changes. <<<

[Here, he’s setting up the Federal Reserve (and the EU and Japan) to take the blame.]

>>> Caruana’s warning was reinforced by William White, head of the Economic Review and Development Committee at the headquarters of the Organization for Economic Co-operation and Development in Paris. As one of the very few experts who accurately forecast the 2008 crash, while head of research at the BIS, White is listened to with respect around the world.

In a recent interview, he said: “Riskfree bond rates are at enormously low levels, spreads are very low … it all looks and feels like 2007. And frankly, I think it’s worse than 2007…” <<<

[Here, another “wise” person from the BIS is warning that we’re approaching another financial crisis (that he and his buddies are engineering). It’s pretty easy to be a forecaster when you’re in on the plan. So if this year looks and feels like 2007, will next year be the next 2008?]

>>> But the US Federal Reserve Bank, the controller of the dollar-based global economy, does not agree with the BIS or William White. Several days after Caruana’s speech, Fed Governor Janet Yellen made it clear that she does not think that extremely low interest rates were the main culprit in the 2008 financial crisis, nor constitute the main problem now. <<<

[This is a very instructive passage. Note how the author specifically mentions the “dollar-based global economy.” Also note how he again paints the Federal Reserve as the morons who won’t listen to the sage globalists at the BIS. In this, he is setting up Janet Yellen for her upcoming scapegoat role, and he is tying interest rates to what will bring her down. The author says all this while failing to disclose that Janet Yellen is a member of the Board of Directors of the BIS, as is PBOC governor Zhou Xiaochuan]

>>> The disagreement between these two powerful financial institutions, the BIS and the New York Federal Reserve, has increased the risk that markets will crash as interest rates rise. Can China’s stability withstand another financial crash? Or would China emerge stronger? <<<

[Bingo! Here we are shown the trigger for the next financial crisis: Yellen will raise interest rates either “too soon” or by “too much” and crash the markets. “If only the wise BIS had had the power to rein in the Fed’s foolishness sooner, we could have avoided this,” they’ll say. :-) Now let’s read on and see if China will emerge stronger.]

>>> China certainly has economic problems… But the forward-looking, courageous determination of its government to grasp some important nettles in its economic reform program will make it a key part of any solution to another Western financial crisis. <<<

[Here, the author does the requisite ass-kissing to his Chinese hosts, then boldly states that China will be “a key part of any solution to another Western financial crisis.” Solution, as in problem – reaction – solution. And the article has already shown us who caused the problem part of the equation: the unruly Western central banks, especially the Fed.]

>>> With the BIS and the US Federal Reserve Bank on opposite sides of the fence about global financial stability, the likelihood of another global financial crisis grows. But next time would indeed be different, because Western taxpayers would refuse to pay for another huge bank bailout, as they did in 2008-09. <<<

[So again, in case you missed it: BIS = good = wise = solution and US Federal Reserve Bank = bad = problem = another global financial crisis.]

>>> The emerging world, led by China, is economically in a much stronger position relative to the advanced countries than six years ago. Although in 2009 China may not have expected its sudden promotion to world power status, the country’s emergence since the crash as a global pillar of growth has significantly increased its global influence. <<<

[China didn’t expect its promotion to world power status? Au contraire, they knew it was coming because the globalists promised it to them, just like they promised what comes next…]

>>> Another crash on Wall Street would reinforce the attraction of the renminbi as a store of value and anchor of stability for other regional currencies

It would underpin China’s global appeal as a peaceful force for stability in a volatile and troubled world, and hasten the re-engineering of shareholding in the major organizations of global governance, particularly at the World Bank and the IMF. Prepared or not, in the event of another crash China would find itself in a position of even greater global leadership and responsibility than today. <<<

[So here we are told that the next crash will be China’s gateway to top dog status, and it will “hasten the re-engineering of shareholding in the major organizations of global governance, particularly at the World Bank and the IMF.” This is exactly what I’ve been warning about. When the next crash comes, watch them break out their gold and other commodities to underwrite the global financial system in exchange for the governance changes.]

Now that we are done de-spinning the article, there are two things it brings up that deserve to be examined: the BIS and the Fed’s raising of interest rates…

The Bank for International Settlements (BIS)

This is the cover art for the BIS Archive Guide
BIS
…It proudly features Montagu Norman (the Bank of England Governor from 1920-1944, circled in pink) and Hjalmar Schacht (the President of the Reichsbank from 1923-31 and 1933-39, and Hitler’s Economics Minister from 1934 – 1937, circled in red). You’ll hear more about these two a little later in the article. But first, let’s have a look at a little piece of BIS history

>>> Between 1933 and 1945 the BIS board of directors included Walther Funk, a prominent Nazi official, and Emil Puhl, who were both convicted of war crimes at the Nuremberg trials after World War II, as well as Hermann Schmitz, the director of IG Farben, and Baron [Kurt] von Schroeder, the owner of the J.H.Stein Bank, which held the deposits of the Gestapo. There were allegations that the BIS had helped the Germans loot assets from occupied countries during World War II.

As a result of these allegations, at the Bretton Woods Conference held in July 1944, Norway proposed the “liquidation of the Bank for International Settlements at the earliest possible moment”. This resulted in the BIS being the subject of a disagreement between the American and British delegations. The liquidation of the bank was supported by other European delegates, as well as the United States (including Harry Dexter White, Secretary of the Treasury, and Henry Morgenthau), but opposed by John Maynard Keynes, head of the British delegation.

Fearing that the BIS would be dissolved by President Franklin Delano Roosevelt, Keynes went to Morgenthau hoping to prevent the dissolution, or have it postponed, but the next day the dissolution of the BIS was approved. However, the liquidation of the bank was never actually undertaken. In April 1945, the new U.S. president Harry S. Truman and the British government suspended the dissolution, and the decision to liquidate the BIS was officially reversed in 1948. <<<

So why were the British bankers so opposed to shutting down a bank with strong Nazi ties, you ask? Well, have a look at this UK Telegraph article (use this Internet Archive link if the direct link isn’t working)…
britnazi

I recommend reading the whole article, as it contains more juicy information than I can include in this post. Here are the most relevant excerpts for the topic at hand (with my comments in brackets)…

>>> The BIS was founded in 1930, in effect by Montagu Norman and his close friend Hjalmar Schacht, the former president of the Reichsbank, known as the father of the Nazi economic miracle. Schacht even referred to the BIS as “my” bank. The BIS is a unique hybrid: a commercial bank protected by international treaty. Its assets can never be seized, even in times of war. It pays no taxes on profits…

A key sentence in the Bank of England documents is found on page 1,295. It reads: “The general attitude of the Bank of England directors of the BIS during the war was governed by their anxiety to keep the BIS to play its part in the solution of post-war problems”[the bankers created the problem (World War 2), and they used the BIS to institute their solution (more centralized control of the world’s financial systems)]

…And here the secret history of the BIS and its strong relationship with the Bank of England becomes ever more murky.

During the war the BIS proclaimed that it was neutral, a view supported by the Bank of England. In fact the BIS was so entwined with the Nazi economy that it helped keep the Third Reich in business. It carried out foreign exchange deals for the Reichsbank; it accepted looted Nazi gold; it recognised the puppet regimes installed in occupied countries, which, together with the Third Reich, soon controlled the majority of the bank’s shares.

Indeed, the BIS was so useful for the Nazis that Emil Puhl, the vice-president of the Reichsbank and BIS director, referred to the BIS as the Reichsbank’s only “foreign branch”…

Every other month it hosts the Global Economy Meetings, where 60 of the most powerful central bankers, including Mark Carney, Governor of the Bank of England, meet. No details of meetings are released, even though the attendees are public servants, charged with managing national economies.

The BIS also hosts the Basel Committee on Banking Supervision, which regulates commercial banks, and the new Financial Stability Board, which coordinates national regulatory authorities. The BIS has made itself the central pillar of the global financial system. <<<

Speaking of these Global Economy Meetings, guess who attends them? According to the BIS website

“The GEM comprises the Governors of 30 BIS member central banks in major advanced and emerging market economies that account for about four fifths of global GDP. The members of the GEM are the central bank Governors from Argentina, Australia, Belgium, Brazil, Canada, China, France, Germany, Hong Kong SAR, India, Indonesia, Italy, Japan, Korea, Malaysia, Mexico, the Netherlands, Poland, Russia, Saudi Arabia, Singapore, South Africa, Spain, Sweden, Switzerland, Thailand, Turkey, the United Kingdom and the United States and also the President of the European Central Bank and the President of the Federal Reserve Bank of New York. Governors from several other central banks attend the GEM as observers.”

So as you can see, beyond the public theater offered in Ukraine and the Middle East, and beyond all the East versus West propaganda offered in the mainstream and alternative media, China and the BRICS are dancing to the tune of the BIS puppetmasters just like everyone else. There is NO CONFLICT between “Nazi/Zionist” transatlantic bankers and BRICS bankers. In fact, Chinese and Russian banks (along with everyone else) are in the process of implementing the Basel 3 bank reforms put out by the Basel Committee on Banking Supervision, which is hosted by the BIS.

According to this China Daily article

Under China’s implementation of Basel III guidelines, systemically important banks need a minimum Tier 1 capital ratio of 9.5 percent, with total buffers of 11.5 percent, before the end of 2018.”

…and according to this Russia Today article

Basel III – a new set of global banking standards scheduled to come into force in Russia this year – should become another stimulus for the country’s lenders to rely on its own funds rather than State support. One of the key Basel III requirements is tighter rules for a banks’ own capital.”

The whole East versus West propaganda campaign is aimed at giving the hypnotized public a fairytale storyline for all the changes they’re going through. It also offers them scapegoats on whom they can pin all their problems. The international bankers are going to crash the current system and blame it on the Federal Reserve, then they’re going to introduce the BRICS as the heroes who save the day.

In fact, part of the purpose for the recent creation of the BRICS Bank is to give the BRICS a lifeboat while the West founders from the crash. The BRICS Contingent Reserve Arrangement

“is a framework for the provision of support through liquidity and precautionary instruments in response to actual or potential short-term balance of payments pressures.

The objective of this reserve is to provide protection against global liquidity pressures. This includes currency issues where members’ national currencies are being adversely affected by global financial pressures.

The Bank would also provide assistance to other countries suffering from the economic volatility in the wake of the United States’ exit from its expansionary monetary policy.

All this being said, when will the crash begin, and how long will it last? Given that the last crash lasted from 2007-2009 and contained a shocking “Lehman Moment,” it stands to reason that the next crash would also be a slow-motion train wreck with an even more shocking Lehman Moment. If the propaganda setup for the collapse is any indicator, the train wreck and New Lehman Moment will involve the raising of the Fed interest rate by Janet Yellen and perhaps a black swan event like a false-flag cyberattack or terrorist attack.

Looking at the interest rate component, the Fed will be meeting this Tuesday and Wednesday (September 16-17), and that could give us an indication of when things might kick off. The general consensus of the Fed watchers seems to be that interest rates will go up starting in the summer of 2015, with some estimates saying as early as March 2015. Will this start the train wreck? And since the BRICS bank isn’t scheduled to start lending until 2016, the New Lehman might not happen till then. But then again, they can always surprise us.

[Update 1 – 18 September 2014]

I’ve published a new article that is an extension of this one, so in case you haven’t read it yet, here it is:

The IMF and the Mainstream Media are following the “Blame the Fed” Script

Get ready to blame the Jewish woman…
yellen

and her Israeli Deputy
fischer

It didn’t take long for my take on things to get some validation. The day after I released theMainstream globalist propaganda reveals East/West conflict is a farce article, I saw this on Drudge…
drudgyell
…It shows the scapegoat, Janet Yellen, along with two articles. The first article talks about the markets booming because she kept interest rates low, and the second offers a warning from the “wise” IMF that excessive risk-taking is happening because of the low interest rates. It is no coincidence that the IMF story hit the media on the same day Yellen announced she would leave the interest rate outlook unchanged.

Here are some telling quotes from the first article, Dow Closes at a Record as Fed Reassures on Rates, with my comments added in brackets…

>>> The five-year bull market in U.S. stocks got a new lease on life, as investors embrace the steady-as-she-goes message the Federal Reserve is delivering on the economy and interest rates.

The Dow Jones Industrial Average rose to a record and the dollar jumped to a six-year high against the yen, after the Fed took tentative steps toward unwinding its historic easy-money policies while reassuring investors that rates will remain low even as the economy expands…

Wednesday’s action underscores the investor belief that the Fed will raise interest rates next year, while the European Central Bank and Bank of Japan will continue pushing rates down in a bid to spur struggling economies.

“In the big picture, the Fed is decreasing its balance sheet and looking to tighten policy, while the ECB and Bank of Japan are on the opposite path,” said Kiran Ganesh, a strategist at UBS Wealth Management

[The last two passages set a contrast between what Yellen is doing and what the central bankers of the other developed economies are doing. She is zigging while the others are zagging.]

Investors said the Fed meeting reinforced demand for the U.S. dollar and riskier investmentssuch as stocks…

Fed policy has been credited with fueling the five-year-long bull market in stocks….

[In these two passages, Fed policy is established as the cause for the market’s appetite for “riskier investments.” So who will be blamed when those risky investments blow up?]
<<<

In the second article, IMF warns of risks from ‘excessive’ financial market bets, the IMF is established as the voice of reason, speaking truth to the risk-taking madness…

>>> The global economy faces a growing risk from big financial market bets that could quickly unravel if investors get spooked by geopolitical tensions or a shift in U.S. interest rate policy, the International Monetary Fund said on Wednesday

[So here they are confirming that a geopolitical black swan and/or a shift in US interest rate policy will make the markets blow up.]

The IMF, an institution based in Washington that is the world’s premier watchdog for financial and economic stability

[Ha! The “world’s world’s premier watchdog for financial and economic stability”? How is that for adulatory propaganda? Such paragons of virtue these sage globalist organizations are! :-) I wonder if they also put such language about the IMF/World Bank/BIS in children’s textbooks: “the IMF, which provides the world with magical gumdrops and pretty, prissy ponies…”]

it also warned that financial market indicators suggested investor bets funded with borrowed money looked “excessive” and that markets could quickly deflate if there were surprises in U.S. monetary policy or the conflicts in Ukraine and the Middle East

[Again they are reinforcing the idea that the Fed’s overly low for overly long interest rate policy fueled excessive bets, and that these “could quickly deflate” if the market gets hit by anysurprises. And speak of the devil…]

some Fed officials have stated publicly that the central bank should be ready to move rates upsooner and faster than financial markets expect given the spate of mostly good news on the U.S. economy.

[Bingo! Here we are shown how the Fed will blow things up: they will move rates up “sooner and faster than financial markets expect.”] <<<

Of course, this IMF story came out in a number of papers, and in some versions, they set out the expectation for when rates should rise. Here is a passage from the Guardian’s version of the story

>>> “Current plans to end tapering later this year and increase policy rates from the middle of next year appear appropriate, given the sizable slack,” the [IMF] report said. <<<

So the financial markets expect an interest rate increase next summer. If it comes earlier (such as in March) and/or it’s a larger increase than expected, it will spook the markets and trigger a crash. From a scan I did of financial articles, Yellen plans to raise the rate if the official unemployment figures are less that 6.5% and the official inflation rate is above 2%. Once those criteria are met and appear stable, she will do the deed.

The unemployment figures have already met the target for the past five months…
usunemployment

…and the inflation rate has been hovering near 2% for the past five months, exceeding it twice…
usinflation

So if we see the inflation statistics showing an uptick for a few of months in a row, we could get the early rate hike.

Should they pull the interest rate trigger this year or next and start the slow-motion train wreck, expect to also hear leaks emerging from the Fed audit that will likely commence next year. Worsening economic conditions and damning leaked information will provide quite a buildup to the Congress versus the Fed showdown in 2016.

By the way, don’t cry for Janet Yellen. She knows the role she must play, and she agreed to it. You can be sure she has a golden parachute waiting on the other side of what’s coming.

Source:  jhaines6.wordpress.com

 

SEE ALSO:

The New BRICS Financial System: What they’re not telling you

Ken at RedefiningGod.com

https://web.archive.org/web/20140209134211/http://blog.redefininggod.com/2013/10/24/the-new-brics-financial-system-what-theyre-not-telling-you.aspx

False East/West Paradigm Hides The Rise Of Global Currency

http://www.alt-market.com/articles/2126-false-eastwest-paradigm-hides-the-rise-of-global-currency

Russia Is Dominated By Global Banks, Too

http://personalliberty.com/russia-dominated-global-banks/\

The Linchpin Lie: How Global Collapse Will Be Sold To The Masses

http://www.alt-market.com/articles/1308-the-linchpin-lie-how-global-collapse-will-be-sold-to-the-masses

Internationalists Are Pushing The World Towards Globally Engineered Economic Warfare

http://www.alt-market.com/articles/2263-internationalists-are-pushing-the-world-towards-globally-engineered-economic-warfare

Gary Allen: None Dare Call it Conspiracy – free downloadable book!

http://www.ldsfreedomnetwork.com/none-dare-call-it-conspiracy.pdf

UBUNTU, un mondo senza denaro. Contribuzionismo e Libertà

Se mai un libro arrivasse nella giusta stagione, in perfetto tempismo e in modo sincronico, questo è il caso di Ubuntu, di Michael Tellinger.  E’ un’opera che si colloca in prima linea nella comprensione del perché siamo qui, in questi tempi turbolenti ed indica anche come cambiare il corso delle maree… in questo costante attacco contro l’umanità

Leggere e studiare ripetutamente il manoscritto di Michael Tellinger, Ubuntu, è stato come fare una doccia: mi sono resa conto di quanto in profondità vada la programmazione alla schiavitù, dalla culla alla tomba. Il suo lavoro di ricerca durato 8 anni, illustra le macchinazioni della elite e del suo sistema di controllo . E questo mi ha ribaltato la visione del mondo.

Per esempio la tavoletta d’argilla, di ca il 2460 aC, è l’evidenza del sistema bancario, dell’usura, della cambiale come lignaggio rivelatore, se non la prova, che i re sacerdoti furono i banchieri delle origini

Le tavolette sumeriche sono le testimonianze piu’ antiche, mai state ritrovate ad oggi, di un linguaggio scritto. Questi documenti mostrano l’aspetto misterioso della famiglia reale dei re-sacerdoti , portati qui per controllare l’umanità e l’ ”improvviso” arrivo del denaro e della lingua sumerica . Credo sia importante rilevare che solo i reali e l’elite erano alfabetizzati. Il resto della umanità era tenuta nell’ignoranza della lingua e delle meccaniche del sistema monetario, per mantenere il controllo. 4500 anni dopo… nulla è cambiato

Non c’è un aspetto delle nostre vite fisiche che non sia controllato dalla elite bancaria. I governi, i militari, i tribunali, le scuole il cibo, l’aria e persino il vostro libero arbitrio è manipolato, mentre vi offrono una serie di opzioni, dandovi cosi l’illusione della scelta.

UBUNTU-cover-front-only-LR

Citando Tellinger: “Il denaro non si è evoluto da migliaia di anni di baratto e commercio come siamo portati a credere. ” E continua: “Perchè se pensiamo che il denaro sia in qualche modo legato alla evoluzione della umanità, crederemo che il denaro sia parte di un processo naturale di evoluzione che, come specie, ci ha accompagnato dove siamo oggi.”

Il viaggio attraverso il capitolo dell’Impero dei Banchieri dell’Elite collega in modo sconvolgente il passato con il presente … nulla è cambiato

Tellinger , nominando alcune delle famiglie piu’ potenti che oggi controllano l’intero flusso di denaro sul pianeta, svela non solo chi lo controlla e la sua distribuzione, ma anche chi paga la sua protezione presso governi e militari.

Già… l’evoluzione della specie. Ma in che cosa ci siamo evoluti? Desideriamo status sociale e ricchezza, che crediamo ci libereranno ma che invece servono solo a tenerci separati gli uni dagli altri e chiusi dentro nella matrix.

Combattiamo, non solo chi a noi si oppone ma anche per proteggere cio’ che abbiamo acquisito, sono i nostri ego insaziabili e le menti inconsce alimentate ogni giorno dai giganti dei media dell’impero. Rincorriamo il “Sogno Americano” che è proprio solo quello, un sogno.

E’ qui che Tellinger ci introduce l’alternativa … ci mostra un’altra via. Una via di cooperazione anziché conflitto, che sarà a beneficio di tutta l’umanità e non solo dei pochi prescelti”.”

Il potere e controllo che esercitano queste elite bancarie è oltre ogni misura. Il loro strumento piu’ potente sono i media, che possiedono e controllano. Non fate errori: ogni parola pronunciata o scritta, ogni orrenda immagine proiettata è stata attentamente calcolata per l’impatto che eserciterà sulla mente umana.

Non c’è più bisogno di un controllo mentale che si basi su traumi fisici. Per parafrasare Tellinger: con l’ultima tecnologia satellitare il processo del controllo mentale può essere trasmesso alla velocità della luce con estremo successo.

E’ umiliante comprendere che il controllo mentale della umanità, viene cosi facilmente diretto da un mostro audio-visivo… la televisione.  Proprio come la bestia finanziaria del sistema bancario, questi due danzatori, operano 24 ore al giorno: l’uno controlla ogni aspetto delle nostre vite, l’altro controlla l’attività mentale o la sua mancanza.

260px-TempleChurch-Exterior

Il capitolo di Tellinger, The Muscle Behind the Bankers (Il muscolo dietro i banchieri) espone il centro di controllo, ovvero come questo sistema , apparentemente fuori controllo, è controllato. L’epicentro è nello stato sovrano della City of London, creata dai Cavalieri Templari nel 1185. Fu chiamata poi Temple Church nella City of London, nota come la Corona. Tellinger evidenzia che questa “Corona” è diversa dalla corona regale della Regina, che molti pensano sia dietro i controlli. La “Corona” a cui Tellinger ci fa fare riferimento è il Tempio della Corona, ovvero il Templare
della Corona

Parafrasando, questa Temple Church (Chiesa del Tempio ) è fuori da ogni giurisdizione canonica, senza governo o autorità che abbiano controllo o potere su di essa. Il Maestro del Tempio è nominato, ha sede ed è sotto sigillo con un brevetto non pubblico, senza istituzione. Inoltre sia il governo che i sistemi giudiziari all’interno degli Usa, sia a livello federale che dello stato locale, sono di proprietà della Corona. Le operazioni di questo centro di controllo non sono circoscritte alla UK, dato che il suo controllo si estende sia al Vaticano che a Washington DC

Il sistema bancario e quello legislativo sono controllati dall’interno di questo “chilometro quadrato di Londra”. La City of London Corporation (a cui non possono essere rivolte accuse) ha lavorato con pazienza per 800 anni usando le sue politiche legali e bancarie, creando guerre e mai smettendo di procurare debito come mezzo per completare la dominazione globale.

Dalla Svizzera, la Corona controlla la Federal Reserve, dove sono stati noleggiati l’ONU, il FMI e il W.T.O. e dove il B.I.S. [Bank for International Settlements] controlla le banche centrali di tutti i paesi G7 ed oltre; è così centrale per il sistema di controllo bancario in questo paese , che Hitler si rifiutò di bombardarlo. “Chi controlla l’oro controlla il mondo” .

Definizione di sudditanza: adesione fedele di un locatario o vassallo, al superiore (padrone) di cui tiene la terra; Da qui arriva la parola inglese “landlord”, padrone di casa.

“Firmando la Carta (atto costitutivo) del 1213, per la sudditanza, King John (Re Giovanni) dichiarò che la Corona inglese-britannica e i suoi possedimenti dell’epoca, incluse tutte le future proprietà, beni, fiduciarie, brevetti, sarebbero stati per sempre legati al Papa e alla Chiesa Romana, come padrone.” Il tempio della Corona possiede il titolo per tutta la terra e le proprietà terriere in Nord America, ma , cosa piu’ importante, il Papa controlla il tempio della Corona perché fu creato sotto i suoi ordini.

Tellinger ha delineato magistralmente e descritto in dettaglio shockante, la grandezza e la scala, sia nella storia che nel presente, di come funziona questo sistema di prigione planetaria.

Il “ladro non dorme mai” e “nascondersi agli occhi di tutti” sono concetti che risuonano. Tellinger inizia a descrivere i suoi capitoli sul costrutto della schiavitù, in questo modo:
“Proprio come la pace non puo’ mai essere ottenuta con la violenza o il conflitto, il denaro non potrà mai diventare un beneficio per la società, perchè nella sua essenza esso è uno strumento di controllo che causa divisione tra la umanità”

Egli poi si inoltra nei concetti di Contribuzionismo, proiettando un modo utopistico, con la legge dell’attrazione. In breve: se vogliamo il cambiamento dobbiamo proiettare il cambiamento. E in questo caso si tratta di rompere il ciclo del controllo mentale che ci tiene in servitù attraverso le nostre azioni.

Ubuntu parla di unità nella consapevolezza conscia, unità nel nostro coraggio di allontanarci dal vecchio paradigma che non ci serve, di abbandonare l’avidità e tutti i suoi prodotti collaterali e riunirci nella cooperazione e nella prosperità che ne ha per tutti.

Bisogna fare esperienza di un nuovo concetto che accomuna e rinnova gli esseri umani, gli animali e la Terra. Bisogna immaginare un mondo dove siamo liberi di creare e imparare.

Il pensiero avvelenato dell’emisfero sinistro continua a complicare le cose, dato che la piu’ parte di noi, non puo’ immaginare che una cosa cosi semplice possa funzionare. Ci sono molte domande a cui va data una risposta ed è per questo che a fine libro c’è un FAQ

Tu sei nato libero. Nessuna persona, nulla puo’ darti o toglierti la libertà, ma con menzogne e inganni la nostra libertà è stata totalmente violata.

Siamo creatori e solutori di problemi, che fanno accadere le cose. Per l’umanità, i banchieri sono la maggiore resistenza verso idee di cooperazione, ma il risveglio è appena cominciato e le persone possono vedere come sono soggiogate.

Nel capitolo “Trasformazione” , Tellinger descrive la via dalla schiavitù capitalista alla liberazione e spiega: “L’aspetto piu’ bizzarro di tutta questa trappola del denaro, è che siamo tutti sospesi in un vortice di promesse di pagamento, perché nessuno in realtà viene pagato”.

Egli afferma che solo pochi banchieri comprendono veramente il processo del signoraggio o persino cosa è una riserva frazionaria bancaria ed è molto raro che ce ne sia uno che li comprende tutti e tre.

Tellinger ci porta ad alcune soluzioni realizzabili, nel capitolo: Le Risposte Sono in Piccole Città Rurali e successivamente nella Implementazione.

Il libro Ubuntu offre soluzioni e non solo critica del sistema attuale. Tellinger parte dal rendere autosostenibili le piccolo comunità rurali. Semplicemente rimuovendo il “costo” dalla equazione produttiva, si sradica la competizione e la si sostituisce con l’abbondanza. E’ cosi che comincia l’effetto domino.

Queste città di frontiera offrirebbero cosi abbondanza e libertà mettendo sulla stessa linea le comunità confinanti, dove le persone contribuiscono con i talenti che Dio ha dato loro, piuttosto che sprecare questi doni lavorando senza passione per denaro e per pagare i conti.

Grandi menti ed idee come la energia libera sarebbero condivise tra le persone per fare progredire tutta la civiltà sul pianeta.

Di questo si parla nella parte del libro che indica una guida passo dopo passo per transitare in un mondo senza denaro. Inizia riprendendo il nostro controllo attraverso un Consiglio degli Anziani che operano secondo leggi e regole di natura, basate sulla geometria sacra

Il capitolo “The Structure of Things” La Struttura Delle Cose”- è di grande interesse per tutti coloro che hanno un profondo credo nella sacralità della Vita e del pianeta. Da questo punto Tellinger inizia a rispondere all’annosa questione che è nella mente di tutti: sovvenzionare le Foundations of Transition (Fondazioni di Transizione), ossia far funzionare il Contribuzionismo.

Tellinger sottolinea che nel Consiglio degli Anziani (Council of Elders -COE) non è necessario di ci siano persone anziane, ma coloro che hanno lavorato idealmente entro i confini del sistema esistente. I COE sono i coordinatori amministrativi di ogni comunità sovrana. La sua definizione dei COE è “Saggi di Integrità” (Wise Humans of Integrity).

Tellinger : serve essere efficienti nel muovere della sostanza umana “direttamente” dalla fattoria alla tavola”; cio’ catturerà l’attenzione di tutti coloro che stanno a guardare. E continua: “benvenuti nel nostro meraviglioso mondo utopico, fatto di persone consapevolmente evolute che vivono in armonia ed unità con il nostro pianeta e con tutta la vita. Solo da una unità potremo avere la diversità infinita, quindi che essa sia.”

Conclude il suo libro con il capitolo, The New Freedom Charter – La Carta della Nuova Libertà– creata con il lancio del sistema Ubuntu del Contribuzionismo – Ubuntu Contribution System- il 3 Novembre 2010 ed inizia con queste parole “La Libertà non è il nostro diritto, ma il nostro dono dal divino creatore. Nessuno ha il diritto di alienarla, o di schiavizzarci in alcun modo e forma.”
La Libertà, amico mio è l’idea Ubuntu in una sola parola.

E come l’amore, anche la libertà appassirà sul vitigno, se non ne viene esercitato il suo pieno potenziale. Il cambiamento che diventi influente, nasce da una auto realizzazione su chi siamo veramente, e sul fatto di impegnare quel dono di “chi siamo”, con un approccio pratico, secondo fasi di transizione ricostitutiva.

Abbiamo tutti gli incentivi di cui necessitiamo per andare oltre, in questa iniziativa di contribuzionismo. Siamo nati con tutte le componenti spirituali necessarie, con la destrezza ben informata, per riconoscere i nostri nemici, per comprendere che siamo noi stessi i nostri liberatori e che possiamo riposizionarci nella nostra casa-pianeta.

Tellinger ha eloquentemente ed intelligentemente definito i mezzi che già ora abbiamo, dobbiamo solo raccoglierli ed iniziare ad usarli per il beneficio di ogni individuo, anziché vendere le nostre abilità e talenti sul mercato delle corporations per acquisire “denaro”

Il viaggio del pendolare , compiuto ogni giorno dallo schiavo per andare in azienda, è un testamento verso la destinazione del “nulla”, che indica come abbiamo nutrito loro anzichè noi stessi. Immaginate che significhi e sia, avere tutti quei talenti condivisi reciprocamente!

Ma come si dovrebbe cominciare e.. devo farlo da solo?
Esistono dei siti web che sono già coinvolti nella ricostruzione cooperativa.
Per esempio: Timebanking.org, alt-mkt.com di Brandon Smith e la Universal Community Trust sono buoni esempi di questo movimento in crescita.

Potresti unirti a queste comunità per familiarizzare con il loro lavoro e le loro linee guida ed avere anche un incoraggiamento su come far partire la tua micro-comunità.

Timbri il cartellino ogni giorno, ogni singolo minuto della tua giornata viene gestito, fai funzionare le macchine senza gioia o passione, fino a che stanco ed esausto torni a casa, consumi sostanze senza vita, senza amore e senza energia e pronunci insignificanti parole alle persone che ti stanno a cuore.

Il contribuzionismo di Ubuntu riguarda la libertà, la scelta, l’abbondanza e la condivisione con gli altri. Dobbiamo conoscere la bellezza della libertà, perché non volerla?

Molti sono entrati nel risveglio o si trovano sulla soglia del risveglio, dove sono avvenuti profondi cambiamenti personali. Ora queste persone stanno cercando di attuare questi cambiamenti fuori da se stessi , congedando coloro che esercitano con forza autorità su di noi, attraverso trucchi ed illusioni; in questo modo si puo’ riprendere il proprio potere personale e proclamare la sovranità.

fonte: http://www.zengardner.com/ubuntu-book-review-dialogue/

traduzione: Cristina Bassi

RIFORME E ALTO TRADIMENTO

Il grande mutuo (Antonino Galloni, Editori Riuniti, Roma 2007) preannunciava l’imminente esplosione di un’imponente crisi finanziaria e di liquidità dopo l’inizio, anni prima, delle problematicità nell’economia reale. Quasi contemporaneamente, in epoca di grandi promesse europeiste al pubblico, un altro saggio, Basta con questa Italia (Marco Della Luna, Arianna Editrice, 2008), scritto nel 2007, anticipava che l’Italia, come sistema paese, con le sue aziende pubbliche e private meno competitive di quelle straniere, sottocapitalizzate, sotto finanziate, strozzinate, vessate da fisco e pubblica amministrazione, incapaci di significativi avanzamenti tecnologici, sarebbe stata rilevata dal capitale straniero, che la avrebbe riformata e gestita secondo i propri interessi, e certo non secondo quelli degli Italiani.
Esattamente questo sta avvenendo puntualmente e con la collaborazione della politica e delle istituzioni di questo paese nonché dell’Unione europea e della Banca centrale europea, che hanno creato ad arte le condizioni affinché ciò avvenisse. Queste condizioni sono essenzialmente una grave carenza di liquidità, che si pretende di combattere con misure fiscali e budgetarie che invece la aggravano, gettando il Paese nelle mani del capitalismo imperialista appoggiato dalla BCE.
L’eversione costituzionale consiste essenzialmente nel sostituire, con l’inganno e le crisi create ad hoc, il sistema socioeconomico legittimamente stabilito nella Costituzione con uno incompatibile con esso perché antidemocratico ed oligarchico. In tutta l’Europa occidentale, con le riforme iniziate alla fine degli anni ’70, il modello di sviluppo economico e giuridico democratico, favorevole al lavoro e alla crescita, di stampo keynesiano, è stato sostituito, a colpi di emergenze preordinate, con un modello neomonetarista, diretto al trasferimento di redditi, ricchezza, diritti e potere politico dalla popolazione generale e dalle classi produttive alla élite finanziaria apolide, subordinando a questo fine antisociale e incompatibile coi principi costituzionali la crescita economica, la quale in effetti è stata quasi arrestata, e trasformando strumentalmente gli ordinamenti giuridici e costituzionali dei paesi interessati. Di questo si è più ampiamente parlato nel precedente articolo dal titolo Dove portano queste riforme.
Per completezza, evidenziamo qui tre circostanze.
La prima: non ostante tutto, le imprese italiane esportano più di quanto il sistema Italia importi – quindi hanno un buon potenziale medio di profitto, sono interessanti, fanno gola.
La seconda: la Germania ha fatto e fa imbrogli di tutti i generi ma ha fatto anche una delle cose giuste fino a due anni fa: investimenti dei privati in innovazione tecnologica che riducono il clup (costo del lavoro per unità di prodotto); ma le imprese tedesche hanno potuto farlo perché disponevano di ciò di cui non dispongono le imprese italiane, ossia di un ceto politico-amministrativo abbastanza non dedito al “mangiare”, abbastanza competente, capace di progettualità di medio-lungo termine. Disponevano anche di un mercato interno con un reddito e una capacità di assorbimento non in contrazione strutturale.
La terza: da due anni la stessa Germania sta contenendo la propria domanda interna ed è in uno squilibrio dovuto a eccesso di avanzo commerciale che corrisponde al disavanzo di altri. È vero che a tale avanzo non corrisponde un disavanzo dell’Italia, ma nondimeno quell’avanzo è utilizzabile per comperare, in Italia, servizi in via di privatizzazione. Poi dobbiamo tenere presenti le decisioni di Draghi del 5 giugno scorso, o meglio le sue promesse di intervenire miratamente per sostenere il credito bancario all’economia reale, “nei limiti del mandato della BCE”. Espressioni allusive, indeterminate, ambigue, che prospettano una variabile ad oggi ancora tale.
Il trasferimento a costo tendenzialmente nullo o quasi delle aziende italiane al capitale soprattutto straniero o apolide è avvenuto e sta avvenendo attraverso due primari strumenti.
Innanzitutto l’euro, quale blocco degli aggiustamenti fisiologici dei cambi quindi delle bilance dei pagamenti, che ha l’effetto di rendere meno esportabili le produzioni italiane favorendo invece quelle dell’area del marco, di aumentare l’indebitamento estero dell’Italia, di rendere più difficile ottenere crediti in Italia.
In secondo luogo, la tempistica della riduzione del costo del lavoro quindi del costo di produzione per unità di prodotto: la Germania, aiutandosi slealmente con lo sforamento del limite del 3% del deficit sul Pil (autorizzato dall’Italia), nonché con trucchi contabili e con illeciti aiuti di Stato alle imprese, ha ridotto prima di Italia e altri paesi il suo costo del lavoro per unità di prodotto. Lo ha fatto anche introducendo forme di impiego a 250 e 450€ al mese, dette minijob e midijob.
Avendo ridotto il costo del lavoro per unità di prodotto prima dell’Italia e beneficiando del blocco dei cambi che deprezzava il suo cambio “naturale”, ha potuto esportare verso l’Italia e altri paesi periferici molto più di quanto importava da essi, realizzando così per molti anni forti saldi attivi della bilancia dei pagamenti, ed indebitando quei paesi verso di sé, tanto più che prestava loro soldi per importare i suoi prodotti (caso estremo: la Grecia). Ciò le ha permesso e le permette di rastrellare a basso costo aziende valide o potenzialmente produttive e redditizie di quei paesi per integrarle nei propri cicli produttivi lasciando ad esse, cioè in Italia, le briciole dei margini di utile, e chiudendo o convertendo quelle di esse che siano in contrasto o concorrenza con imprese tedesche. Gli utili di queste aziende rastrellate vengono trattenuti o deportati in Germania.
L’operazione di rastrellamento si sta estendendo, con la partecipazione della Francia, al settore dei servizi pubblici, il quale, beneficiando di posizioni di monopolio di fatto o di diritto, e rivolgendosi a una domanda rigida, cioè incapace di ridursi significativamente a fronte di incrementi tariffari, è un settore che produce fortissimi utili con caratteristiche di vendite. Utili e rendite che vengono raccolti e che saranno sempre più raccolti dalle tasche dei cittadini e delle imprese italiane per essere deportati in Germania e in Francia. Probabilmente l’asse franco-tedesco per dominare l’UE si basa su accordi di questo tipo.
Al fine di massimizzare l’utile di questa operazione, sia sul settore manifatturiero che su quello dei servizi, questo capitalismo mercantilista e imperialista ha bisogno di fare le cosiddette riforme, le quali in sostanza sono riduzioni dei diritti economici e non economici dei lavoratori anche autonomi, aumento della loro sudditanza al datore di lavoro, aumento dei livelli di precariato e di disoccupazione sotto occupazione in funzione di battere la forza contrattuale dei lavoratori. Analogamente vengono colpiti i piccoli e piccolissimi imprenditori, artigiani, commercianti, che non si prestano al piano di conquista dell’imperialismo mercantile franco tedesco.
Per realizzare pienamente questa operazione di take-over sui servizi pubblici, è necessario farli privatizzare. A questo fine essi vengono, attraverso opportune campagne mediatiche, presentati come inefficienti, corrotti, dispendiosissimi, costosi, parassitari. Non si dice che investire in essi aumenterebbe la loro efficienza in quanto li doterebbe di strumenti oggi mancanti, e avrebbe un sicuro effetto di moltiplicatore del Pil, mentre il togliere loro fondi ha un effetto demoltiplicatore. Come ulteriore strumento per sabotarli, li si sta sovraccaricando di oneri e spese anche attraverso la politica di immigrazione di massa senza limitazioni, che sta ponendo un onere crescente e potenzialmente enorme alla spesa pubblica per l’accoglienza, mantenimento, cure sanitarie, alloggio, ricongiungimenti familiari.
Quando la situazione diverrà esplosiva per i crescenti costi così suscitati da una parte e per la crescente disoccupazione e recessione dall’altra, con ulteriori maggiorazioni delle tasse, la popolazione stessa chiederà la privatizzazione estesa dei servizi sociali ora ancora in mano pubblica. A quel punto, capitali stranieri entreranno e occuperanno queste posizioni di mercato collegate a rendite monopolistiche.
Sottolineo che la Germania e i suoi satelliti riescono a sfruttare questo processo perché hanno eseguito prima dell’Italia e di altri paesi le riforme consistenti nella riduzione del costo del lavoro e dei diritti dei lavoratori, acquisendo grazie ciò, per una mera ragione di anteriorità temporale ovviamente studiata apposta, quei vantaggi commerciali, quegli attivi negli scambi con l’Italia, quei conseguenti crediti verso di essa, che poi spendono ora per rastrellare le imprese e i servizi italiani.
La Banca centrale europea, l’Unione Europea, Maastricht, l’euro, vertici istituzionali, tutti concorrono a questo scopo strategico, spingendo per le riforme che l’Europa ci chiede. Ossia, tutti questi soggetti lavorano per cedere e trasferire al capitale straniero le risorse e le aziende del paese e insieme per trasformare i lavoratori italiani in forza lavoro sottopagata e sottomessa dei nuovi padroni finanziari stranieri. In compenso di questa prestazione di tradimento, la nostra casta politica si riserva il ruolo di complice dei capitali stranieri, onde mantenere le sue poltrone e i suoi privilegi.
Intorno a questo progetto, la partitocrazia italiana si è ora saldamente unita in modo trasversale, destra e sinistra, per realizzare di corsa le famose riforme. Riforme che non c’entrano col rilancio economico. L’Italicum è stato concordato tra Renzi e Berlusconi per sopprimere i partiti piccoli e autonomi, non radicati nel controllo della spesa pubblica. Soprattutto la nuova legge elettorale e il nuovo Senato, che hanno la funzione di blindarla contro la protesta, il dissenso, il potenziale voto contrario dei cittadini traditi e derubati dai partiti. Si noti che il Senato viene preposto alla regolazione della spesa pubblica e consegnato agli uomini degli apparati partitici regionali, ossia la parte peggiore, più vorace, della partitocrazia. Potranno mangiare più che mai, spalleggiati e legittimati anche dagli interessi stranieri.
È già in programma anche una riforma della giustizia per mettere a guinzaglio quei giudici che restano fedeli alla Costituzione e alla Repubblica. La voteranno tutti insieme, trasversalmente. Sono già d’accordo. E poi qualcuno avrà diritto alla grazia.
Ribadiamo che le promesse di risanamento e rilancio entro il modello economico vigente sono pura menzogna. Per tornare alla crescita e all’occupazione è indispensabile, innanzitutto, spiegare il complotto alla gente, specialmente agli imprenditori e ai lavoratori, uscire dalla struttura sopra descritta, dall’Euro, dall’UE e disfarsi dei personaggi politici e istituzionali che la assecondano.
In parallelo, occorre avviare una revisione del concetto di moneta oggi in uso, la fiat currency, e capire-far capire, con tutte le conseguenze, che essa non è una merce né una materia prima, ma un simbolo, generato col computer e senza costi; non ha quindi senso logico parlare di scarsità o mancanza di mezzi finanziari per gli investimenti necessari e utili alla società, anzi è un crimine eversivo e contro l’umanità fingere che vi sia una tale scarsità o mancanza, e usare questa finzione per impadronirsi di un paese e della sua economia reale, e per deprimere i salari e i livelli occupazionali.
E, ancora più fondamentalmente, occorre capire e far capire che l’illusione che i mezzi monetari siano una merce, che abbiano un valore intrinseco, costino a prodursi, siano oggettivamente limitati, è il principale e indispensabile strumento per far accettare alla società e, soprattutto, ai ceti produttivi il progetto dominante della politica da qualche decennio, ossia il graduale trasferimento-accentramento dei redditi, della ricchezza esistente e dei diritti (civili e politici) dalle mani dei lavoratori (dipendenti e autonomi) alle mani del cartello dei produttori dei mezzi monetari che in cambio non produce e non dà alcuna ricchezza reale alla società.

Marco Della Luna e Antonino Galloni

Debito Pubblico. La Truffa

Debito Pubblico: Truffa attuata per fare terrorismo psicologico sulla popolazione inerte

Da Imola Oggi

Una truffa economica di proporzioni storiche dove un fantomatico debito pubblico sovrano è stato mutato in un debito pubblico vero e proprio con banche private per imporre i cittadini ad accettare i loro diktat economici e politici, irregimentando tutti dietro un unico modello assoluto: l’espressione suprema di un capitalismo sadico e totalitario che mira ad espandere il proprio dominio su tutto ciò che terrenamente vuol presentarsi come autonomo e sovrano.

Nella nuova dottrina economica universale, il taglio della spesa pubblica e l’aumento della tassazione, è la ricetta necessaria per esorcizzare i problemi deflazionistici di una nazione affossata da un fantomatico debito pubblico, con il fine di riequilibrare il commercio a lungo termine ridando speranze a cittadini e aziende.

Dinanzi a tali eresie è davvero molto semplice comprendere la falsità e l’ignoranza di coloro che sostengono tali teorie. Non sono le opinioni a smentire il tutto, sono i semplici fatti a farlo.

Come diceva l’economista Paul Samuelson, il fantasma del debito pubblico è “una falsa e irrazionale credenza ideologica affine a una religione superstiziosa che vede nel debito pubblico un nemico, senza, peraltro, portare a prova di ciò alcuna realtà di scienza contabile”. In primo luogo, quindi, bisogna sfatare il mito che vede il debito pubblico come il male assoluto da combattere. Un mito che i vari sostenitori del neoliberismo odierno sbandierano a gran voce, documentando di non conoscere (o di fingere di non conoscere) la differenza tra debito pubblico sovrano e debito pubblico all’interno dell’eurozona con banche private.

Partiamo dall’idea che una nazione realmente sovrana non deve mai ripagare alcun debito, visto che il cosiddetto “debito” non è nient’altro che un credito che lo Stato emette dal nulla nei confronti di cittadini-aziende. Ciò che con la lira chiamavamo “debito pubblico” non era nient’altro che numeri aggiunti all’interno di un computer. Numeri, non soldi veri.

Dinanzi a ciò, molti potrebbero giustamente domandarsi “allora quando avevamo la lira, la tassazione a cosa serviva?” La risposta si riduce al fatto che la tassazione in un’economia sovrana non è mai servita a ripagare alcun debito né a finanziare alcuna spesa pubblica; ma serviva semplicemente a controllare il pericolo inflattivo, imporre l’utilizzo di quella valuta e controllare i grandi capitali.

Il Giappone è un esempio di come un debito pubblico sovrano non sia mai stato un problema né un debito vero e proprio che i cittadini dovranno ripagare. Infatti il Giappone nonostante abbia un debito pubblico del 236% sul PIL (il doppio del nostro) e un deficit/PIL al 10%, si ritrova con un tasso inflattivo pari a zero e un tasso di disoccupazione al 4,5%. Non sorprende che dinanzi a questi numeri il Governo di Shinzo Abe già nei 2013 abbia dato il via ad un nuovo capitolo di politiche espansive, con interventi di spesa pubblica pari a 85 miliardi di euro. Molti dinanzi a questi numeri potrebbero scandalizzarsi e pensare il peggio a breve termine, ma ciò che i falsi profeti dell’inflazione e del libero mercato ignorano (o fingono di ignorare) è che il mastodontico debito pubblico giapponese è detenuto dai nipponici stessi. Quindi, a differenza del nostro debito pubblico – che i nostri politici hanno ceduto volentieri a stranieri i quali l’hanno spartito tra banche, assicurazioni e fondi comuni – .il loro debito pubblico è un debito pubblico sovrano. Soldi che non devono ridare a nessuno, ma ricchezza prodotta al netto all’interno del circuito di cittadini-aziende. Ecco perché dinanzi a cifre simili possono permettersi addirittura piani di espansione di spesa pubblica senza porsi alcun tipo di problema. Perché sanno che il debito pubblico non è mai un problema, nel momento in cui questo è sovrano e controllato mediante la tassazione.

Curioso anche il fatto che l’unico periodo di crisi che si è verificato recentemente nella storia economica del Giappone, si è verificato quando invece di abbracciare politiche di espansione, ha scelto di abbracciare politiche di restrizione aumentando l’IVA e riducendo della spesa pubblica. Risultato? Uno dei più drammatici cali di vendite nel commercio interno.

Un altro esempio di come il debito pubblico non sia la causa della crisi economica italiana, risiede in paesi come Irlanda e Spagna. Se davvero la causa della crisi economica italiana è dovuta all’aumento del debito pubblico accumulato nel corso degli anni ’80 e ’90 (come i vari filo-europeisti vanno sbandierano nei vari talk show), come mai nazioni come Irlanda e Spagna nonostante siano entrate nell’euro con una percentuale di spesa pubblica tra le più basse in Europa (51% di debito sul PIL. Tradotto: paradiso neoliberale per i filo-europeisti dell’eurozona) si ritrovano anch’esse disastrate dalla crisi economica?

E come mai agenzie di rating come Standard & Poor’s – che oggi nell’eurozona ci bastonano nonostante un “virtuosissimo” 2,2% di tasso inflattivo e una drastica restrizione della spesa pubblica – a metà degli anni ’90, con la Lira, ci considerava una delle economie più sane e prolifere dell’UE nonostante un debito pubblico sul PIL del 124% e una media di tasso inflattivo del 5,8%?

Ciò dimostra, come diceva l’economista Paul Samuelson, che il debito pubblico è semplicemente una credenza ideologica. Una credenza che viene utilizzata per far del terrorismo psicologico su una popolazione inerte, facendogli assorbire l’ idea – falsa – di essere in debito nei confronti di qualcosa o qualcuno. Una truffa economica di proporzioni storiche dove un fantomatico debito pubblico sovrano è stato mutato in un debito pubblico vero e proprio con banche private per imporre i cittadini ad accettare i loro diktat economici e politici, irregimentando tutti dietro un unico modello assoluto: l’espressione suprema di un capitalismo sadico e totalitario che mira ad espandere il proprio dominio su tutto ciò che terrenamente vuol presentarsi come autonomo e sovrano.

Maserati Gabriele

 

The Future of Money and Business

UBUNTU colour lo res.jpg

from The Ubuntu Liberation Movement

Scott Cundill is building a business solution that is completely off-the-grid. In other words, you will not register a company with any government. You will not have an ordinary bank account and you will certainly not pay any bank charges or tax. You will trade with alternative currencies with no connection to “the powers that be” at all.

WOW!

Here is an article that Scott wrote called The Future of Money and Business – Part 1.” Here is a quote:

“So, now that we know the truth about money, here is the solution to all our money problems… and it’s coming very soon to an Internet near you:

To open a business, simply go online and set it up. Your company will trade both online and offline, but there will be no registration fees and no annoying documents to sign. There are no ID papers to submit and since there is no registration with the government, that means… no tax, ever!

Then, open an account with one of the many decentralised peer-to-peer alternative currency exchanges that will become available. These won’t be connected to any bank which means that you can transact anywhere in the world without using dollars, euros or yen. Instead, you will trade with alternative currencies. Naturally, there will be no bank charges, no transaction fees and certainly no interest. There will be no weird legal documents to prove your name, address and identity. Criminals will be stopped in their tracks not by a police force, but by peer-to-peer reputation – too many complaints will see a business being blacklisted and nobody will trade with them. This self-management technique is already used widely across the web and… it works.”

Visit www.scottcundill.com to sign up and get part 2.

You can read the full article at http://www.newera.org.za/the-future-of-money-and-business-part-1/.

Michael Tellinger

Sapete dove finiscono le auto non vendute?

Probabilmente non è esattamente la domanda che ci si pone appena fuori dal letto e nulla comparabile ai grandi misteri della nostra esistenza… ma se non ti è mai passato per la testa di sapere che fine facciano le auto non vendute, quel che mostreremo ti lascerà incredulo!

Nella produzione di automobili in larga scala, le varie case cercano di immettere nel mercato ogni anno un nuovo modello in un numero elevato che puntualmente supera la domanda reale dei consumatori. Buona parte dei veicoli finiranno per un tempo negli autosaloni in attesa di un acquirente, ma che succede quando si è forzato il numero di produzione, la domanda è stagnante e decine di migliaia di autovetture rimangono invendute?

Te lo mostriamo con delle immagini impressionanti.
macchine-invendute-001
Nella foto sopra si vedono solo alcune migliaia su decina di migliaia di auto non vendute, a Sheerness, Regno Unito. Prova a cercare su Google Mappe Sheerness, Regno Unito. Guarda verso la costa orientale, tra il fiume Tamigi e il Medway, a sinistra della A249.
Esistono centinaia di posti come questo nel mondo e la pila di auto parcheggiate non fa che crescere di giorno in giorno.

Houston, abbiamo un problema! Nessuno sta comprando macchine nuove! Beh, qualcuno ancora sì, ma non nella stessa misura di un tempo. Milioni di auto nuove non vendute rimangono parcheggiate da qualche parte nel mondo. Lì, ferme, deteriorandosi lentamente senza ricevere alcuna manutenzione.

Sotto, l’immagine di un parcheggio immenso a Swindow, Regno unito, con migliaia di migliaia di macchine invendute e nessun acquirente in vista! I produttori sono costretti ad acquistare sempre più terreno per parcheggiare le auto fuori dalla linea di produzione.
macchine-invendute-002
Anche questo è uno degli effetti della recessione economica che continua ad asserragliare il mondo. Le file di auto si fanno sempre più vaste e ogni anno i produttori non fanno che comprare acri e acri di terreno dove parcheggiarle.

Nota: le immagini che stiamo mostrando rappresentano sola una piccola proporzione. La vastità del problema è impressionante, pensa a quante case automobilistiche esistano sul pianeta, e quanti parcheggi come questo ognuno di essa abbia. Difficile immaginarlo, eppure queste immagine non sono state editate al computer. La parte peggiore è che il numero di auto non vendute aumenta di giorno in giorno.

È come un’epidemia che si estende a macchia d’olio e a meno che non vegano acquirenti dallo spazio, questi immensi parcheggi si vedono pure da lì, la questione non verrà risolta nel futuro immediato.

Sotto è mostrato uno squarcio delle 57.000 (in crescita) auto che attendono di essere consegnate ad un acquirente a Port of Baltimore, Maryland, USA. Dai un’occhiata su Google Mappe, cerca un parcheggio infinito a sud della Broening Hwy. Non passa inosservato!
macchine-invendute-003
Una soluzione per liberarsene, hai certamente pensato, potrebbe essere svalutare il loro prezzo. Semplice, eppure le case automobilistiche non rinunceranno neppure al centesimo del loro prezzo iniziale.

Sotto è mostrata un’immagine di una pista di test della Nissan a Sunderland, Regno Unito. La pista non viene più usata per i test. La ragione? Nissan ha scelto di parcheggiarvi le sue auto non vendute.
macchine-invendute-004
E la pista non basta a contenerle tutte. Nissan ha di fatti acquisito i terreni adiacenti alla pista e alla sua fabbrica. Un enorme lotto di auto è ben visibile da Google Mappe, e non è il parcheggio riservato ai dipendenti!
macchine-invendute-005
Nessuna delle immagini che stiamo mostrando su questa pagina sono foto aeree di semplici parcheggi di centri commerciali, cinema multiplex, stadi, ecc.. ma solo spiane immense di automobili nuove fiammanti rimaste invendute.

L’industria automobilistica non può certo smettere di produrre nuovi modelli: centinaia di fabbriche verrebbero chiuse e decine di migliaia di loro dipendenti si ritroverebbero dall’oggi al domani senza lavoro e avrebbe terribili ripercussioni sul già fragile equilibrio economico mondiale. Ma oltre alle fabbriche dove le auto vengono assemblate, che succederebbe all’intera industria metallurgica che produce buona parte dei componenti delle auto? Gli effetti sarebbero catastrofici.

Sotto è mostrata una piccola area di un parcheggio gigantesco in Spagna, dove decina di migliaia di automobili sono immobili a prendere il sole tutto il giorno.
macchine-invendute-006
Altre migliaia sono accatastate al porto di Valencia, sempre in Spagna. Sono auto che aspettano di essere esportate e altre che sono state importate ma ancora senza acquirenti.
macchine-invendute-007
Decina di migliaia di veicoli vengono ancora prodotti ogni settimana ma appena una piccola parte viene venduta.

Qui sotto un’altra immagina di migliaia di macchine non vendute parcheggiate su una pista d’atterraggio vicino San Pietroburgo, Russia. Sono state importate dall’Europa e adesso parcheggiate e lasciate ad arrugginire. A causa di ciò, l’aeroporto non può più usare quella pista per il suo scopo originale.
macchine-invendute-008
Il ciclo “compro, uso, compro, uso” è stato ormai spezzato. Oggi il consumatore cerca di sfruttare il più a lungo possibile il suo acquisto. Sotto, altre migliaia di auto invendute parcheggiate in una pista d’atterraggio in disuso a Upper Heyford, Bicester, Oxfordshire. Hanno letteralmente esaurito lo spazio dove parcheggiarle.
macchine-invendute-009
Un’altra decina di macchine sono parcheggiate al Royal Portbury Docks, Avonmouth, vicino Bistrol, Regno Unito. Se si fa un zoom sulla zona con Google Maps, non si vedrà altro che macchine invendute per centinaia di metri. Praticamente ogni singolo spazio della zona è stato occupato da un’autovettura.
macchine-invendute-010
Fai un zoom indietro sotto la stessa area, in Avonmouth. Ogni spazio grigio che si vede sono lotti di macchine non vendute. Qualcuno vuol provare ad indovinare quante siano?
macchine-invendute-011
Viene stimato che nel mondo esistano circa 10 miliardi di auto, praticamente più della stessa popolazione mondiale.

Sotto un altro migliaio di auto parcheggiate, stavolta della Citroen a Corby, Northamptonshire, Inghilterra. E ogni giorno ne arrivano delle altre dalla Francia senza una successiva destinazione.
macchine-invendute-012
Ricordiamo che si tratta di macchine nuove di fabbrica, con i contatori che segnano forse appena il tratto di strada dalle fabbriche a queste rimesse. Questa immagine da Google Mappe è proprio del maggio 2014, nei pressi di Corby, Northamptonshire.
macchine-invendute-013
Fabbricare nuove macchine va contro ogni logica, logistica ed economia ma la produzione continua, giorno dopo giorno, settimana dopo settimana…

Sotto è mostrata un’altra immagine recente (Aprile 2014) del porto di Civitavecchia. Ognuno di quei puntini è una Peugeot nuova di fabbrica che ogni giorno raccoglie polvere e magari un po’ di brezza marina.
macchine-invendute-014
Sotto ancora, tutte carine e sbrilluccicose, rosse, bianche, nere, argento, viola, blu, insomma auto nuove fiammanti di tutti i colori dell’arcobaleno. Fanno un bel mosaico. Magari è questa la fine che faranno: arte urbana surreale dell’era della produzione meccanizzata.
macchine-invendute-015
L’economia avverte chiaramente che queste auto rimarranno invendute. Ma per quanto durerà questo ciclo? Dove verranno parcheggiate se a momenti non abbiamo più spazio neppure in strada per guidarle?

Sotto, ancora il porto di Valencia, in una suggestiva composizione di colori.
macchine-invendute-016
I tempi in cui una famiglia avrebbe potuto acquistare una nuova auto ogni paio di anni, adesso sono andati.

Il risultato sono immagini come quelle proposte.
macchine-invendute-017
Potremmo dire che queste macchine sono lasciate ad arrugginire. E più passano i giorni trascorsi in delle rimesse meno saranno le chance che verranno acquistate. Dopo mesi e mesi sotto qualsiasi condizioni climatica queste auto andranno in detrimento.

Nell’immagine sotto le automobili coprono l’intero orizzonte. Che svenderle sia l’unica soluzione radicale? Chissà se presto non inizino a regalarle con le confezioni dei cereali.
macchine-invendute-018
Quando un’automobile è lasciata inattiva, l’olio presente nelle parti interne del motore si deposita lentamente sul fondo della coppa dell’olio, iniziando un processo corrosivo che potrebbe danneggiare il motore stesso.

La corrosione a freddo, per esempio, avviene quando la condensazione fa estendere i cilindri e si inizia a formare la ruggine al loro interno. Il motore a quel punto s’ingolferà e avrà bisogna di assistenza meccanica per ripartire. Anche i pneumatici inizieranno a perdere aria e la batteria si sarà scaricata. La lista potrebbe continuare ancora.
macchine-invendute-019
Maggiore è il tempo trascorso in rimessa peggiori saranno le conseguenze. Ma allora qual è la soluzione al problema?

Le case automobilistiche continuano a produrre nuovi modelli con le ultime tecnologie a bordo. Accade quindi che il consumatore finale preferisca comprare l’ultimo modello e non quello dell’anno precedente. Per i vecchi modelli a questo punto le alternative restano poche: essere smantellate e rottamate, riciclando le sue parti meccaniche.

Alcuni marchi hanno già spostato la produzione in Cina, General Motors e Cadillac né sono un esempio tra i tanti. Le macchine qui prodotte vengono poi caricate in containers e scaricati nei porti di tutto il mondo. Gli USA, per favorire la produzione interna, ne ha limitato l’importazione. La conseguenza immediata è che centinaia di migliaia di automobili americane nuove di fabbrica si trovano ora parcheggiate in China. Nessuno in Cina può permettersi di acquistarle e bisognerà attendere che l’economia mondiale migliori perché queste automobili vengano vendute… e potrebbe richiedere diverse generazioni.

Fonte: Vince Lewis